Il Tram delle Valli e la nuova linea E-Bus a Bergamo

Uno dei progetti più interessanti di riattivazione di linee ferroviarie dismesse, è quello della tramvia extraurbana di Bergamo, denominata “Tram delle Valli”, completata nel 2009 per la prima linea, gestita dalla società TEB. La linea entrata in funzione unisce Bergamo ed Albino, 12,5 km in totale, svolgendo la funzione di trenino suburbano, grazie al percorso in sede protetta, al doppio binario ed ai semafori asserviti al passaggio del tram negli incroci con attraversamento a raso, che permettono una velocità massima di 70 km/h. Con questi accorgimenti, uniti alla presenza di parcheggi di scambio, collegamenti con le linee di trasporto su gomma e l’accesso alla stazione ferroviaria di Bergamo, nonché alla presenza di piste ciclabili, il servizio risulta tra i più efficienti e moderni in Italia. I risultati parlano di un successo clamoroso: nel primo anno i passeggeri totali sono stati 2,3 milioni (una media di 10mila nei giorni feriali), nel secondo anno i passeggeri sono stati 3,3 milioni con una media di 12mila passeggeri nei giorni di lavoro. In 10 anni di esercizio, festeggiati lo scorso aprile, sono oltre 33 milioni i passeggeri mentre per il 2018 si sono registrati 3,75 milioni di passeggeri. Si conferma inoltre il tasso di puntualità con il 99,9% delle corse giunte a destinazione entro i 5 minuti di ritardo.

A marzo 2018 è stato siglato il protocollo d’intesa tra Regione Lombardia, Provincia di Bergamo, Comune di Bergamo, Agenzia per il Trasporto Pubblico Locale del bacino di Bergamo e TEB per il completamento del sistema tranviario bergamasco. L’accordo prevede l’elaborazione di uno studio di inquadramento complessivo del sistema tranviario bergamasco, i cui contenuti dovranno valutare eventuali opportunità di prolungamenti dello stesso (anche in uno scenario più ampio e temporalmente esteso), e lo sviluppo realizzativo del progetto di fattibilità tecnica ed economica della linea tranviaria T2 Bergamo-Villa d’Almè, fino a San Pellegrino, presentato nel giugno 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *